Prospettive cicliche

Uno sguardo oltre le numerose recessioni

Le principali economie sono in contrazione, ma le eccezionali risposte delle autorità potrebbero limitare la grave recessione a quest'anno.

I paesi di tutto il mondo stanno affrontando sfide inedite nel combattere la crisi sanitaria del COVID-19. Oltre a cercare di salvare quante più vite possibili, alle prese con la caduta verticale dell'attività economica e dei consumi in un contesto di timori per il breve termine e incertezze sul lungo termine, le autorità stanno rispondendo con poderose misure monetarie e fiscali a sostegno dei settori economici, delle imprese e dei cittadini (cfr. figura 1). I risultati di tali misure straordinarie saranno diversi da regione a regione.

Come Joachim Fels e Andrew Balls hanno illustrato nelle nostre ultime Prospettive Cicliche "Dalla Caduta alla Ripartenza" , ci attendiamo che l'economia e i mercati finanziari globali passino da una fase di crisi acuta di breve termine a un graduale recupero nel corso dei prossimi sei-dodici mesi (cfr. figura 2). Tuttavia vi è il rischio, se non la probabilità, di una ripresa accidentata, con significativi ostacoli sul percorso e qualche danno permanente.

A completamento delle prospettive soprarichiamate, nel presente documento presentiamo le previsioni per le principali economie, avvalendoci degli approfondimenti offerti dai nostri professionisti degli investimenti e comitati di portafoglio regionali.

Figure 1 shows 2020 fiscal policy measures of major economies as a percentage of each economy’s total GDP. The U.S. has 7% discretionary measures and 21% liquidity provisions, totaling 28% of GDP. The euro area has 6% discretionary, 20% liquidity provisions, total 26%. The U.K. has 6% discretionary, 15% liquidity provisions, total 21%. Canada has 5% discretionary, 15% liquidity provisions, total 20%. Japan has 10% discretionary and 10% liquidity provisions, total 20%. China has 6.5% discretionary and 6.5% liquidity provisions, total 13%.Figure 2 shows PIMCO’s central forecast path for major economies’ GDP, indexed to 100 at the end of fourth quarter 2019. We forecast all the developed economies shown will experience a deep plunge in the second quarter of 2020, with the euro area seeing the steepest decline. China will likely see its trough in the first quarter of 2020. Following the trough, we forecast a gradual recovery.

Stati Uniti: Recessione e risposte delle autorità che battono tutti i record

Tiffany Wilding

Per gli Stati Uniti, prevediamo una brusca recessione nella prima metà del 2020 per la riduzione di rapidità e gravità senza precedenti delle attività nel paese a seguito della necessaria diffusa chiusura delle attività economiche non essenziali per rallentare la diffusione del COVID-19. La nostra stima di una contrazione dal picco al minimo di circa il 10% del PIL trimestrale (non annualizzato) è significativamente superiore al calo dal picco al minimo intorno al 4% osservato nella crisi finanziaria mondiale nel 2008. Ci attendiamo però che la contrazione sarà più breve poiché la quarantena verrà infine allentata e lo stimolo monetario e fiscale sosterrà, ancorché con scarto temporale, l'economia. Con la brusca contrazione, prevediamo che, negli Stati Uniti, il tasso di disoccupazione raggiungerà quasi il 20% prima di ridiscendere e attestarsi tra il 6% e il 7% entro fine anno .

La nostra previsione di rimbalzo nella seconda metà del 2020 si fonda in parte sulle attese di graduale allentamento della morsa della pandemia e riapertura dell'economia, ma anche, e aspetto forse di maggior rilievo, sulla velocità e sulle dimensioni mai viste prima della risposta economica delle autorità statunitensi. Oltre ad azzerare il tasso ufficiale e riavviare gli acquisti su vasta scala di Treasury e MBS, la Federal Reserve ha dispiegato in maniera decisa programmi volti a ridurre le tensioni sui mercati finanziari e a mantenere l'afflusso di credito a famiglie e imprese. Anche il Congresso ha operato con celerità approvando un pacchetto di stimolo record da 2.200 miliardi di Dollari, che comprende misure di sostegno diretto ai cittadini e alle imprese di entità pari al 6% del PIL. Ulteriore stimolo fiscale verrà verosimilmente adottato nei prossimi mesi.

Nonostante gli interventi senza precedenti da parte delle autorità, ravvisiamo tuttora chiari rischi di ribasso rispetto alle stime. In primo luogo, l'incertezza sulla diffusione del coronavirus permane elevata. Una seconda ondata di contagi o una maggiore lentezza nel percorso di riapertura delle attività prolungherebbe le sofferenze economiche. In secondo luogo, sebbene le autorità abbiano reagito celermente al peggiorare delle condizioni economiche, qualsiasi ritardo nella distribuzione del sostegno all'intera economia accrescerebbe il rischio di fallimenti con danni economici di più lungo termine.

Canada: Duplice shock e rischi di ribasso

Tiffany Wilding

Per il Canada, prevediamo una brusca recessione nella prima metà del 2020 per il duplice shock all'economia del paese. La necessaria diffusa chiusura delle attività non essenziali a tutela della salute dei cittadini si stima si sia già ripercossa su 5,4 milioni di posti di lavoro e ha ridotto l'attività economica. Inoltre, poiché il settore energetico costituisce una quota relativamente consistente del PIL (8%) e degli investimenti in conto capitale (18%) canadesi, il crollo dei prezzi energetici verosimilmente acuirà la contrazione.

La nostra stima per il Canada di una contrazione dal picco al minimo di circa il 15% del PIL trimestrale (non annualizzato) è significativamente superiore al calo dal picco al minimo intorno al 4% osservato nella crisi finanziaria mondiale nel 2008-2009. Si prevede che le misure del governo e della banca centrale a sostegno di famiglie e imprese, che comprendono trasferimenti diretti di finanza pubblica pari al 5% del PIL, contribuiranno al rimbalzo dell'attività economica nella seconda metà del 2020, e che la crescita annuale sarà negativa di circa l'8%. Si stima tuttavia che la ripresa canadese sarà più lenta e i rischi di ribasso siano superiori poiché all'arrivo della crisi le famiglie presentavano un indebitamento relativamente elevato e conseguentemente dovranno ridurlo a fronte dei minori redditi.

Area Euro: Profonda discesa e questioni di coordinamento

Nicola Mai

L'Area Euro pare avviata a una recessione di breve durata ma assai profonda, con un PIL annuo in calo di quasi il 10% nel 2020 e l'attività economica in contrazione di circa il 20% (non annualizzato) nella prima metà del 2020 prima di cominciare a normalizzarsi. A titolo di riferimento, il calo dal picco al minimo del PIL trimestrale dell'Eurozona si era attestato intorno al 6% nel 2008-2009.

Sebbene prevediamo robusti guadagni di PIL nella seconda metà del 2020, si è partiti da una base di fiacchezza, conseguentemente l'attività economica sarà ancora di circa il 5% inferiore al picco del 2019 a fine anno e verosimilmente non tornerà a livelli pre-COVID sino al 2022. La lentezza di normalizzazione discende dalla necessaria gradualità nell'allentamento del lockdown e dai danni collaterali della crisi derivanti dai mutati comportamenti, dai colpi inferti agli 'spiriti animali', dai fallimenti di imprese e dall'aumento della disoccupazione (che ci attendiamo essere superiore al 10% a fine anno).

Alcuni danni collaterali saranno mitigati dalle risposte delle autorità. Pensiamo che i governi dei paesi dell'Eurozona potrebbero finire col triplicare le attuali misure fiscali pari nell'insieme a circa il 2% del PIL, che si aggiungeranno alle garanzie e al sostegno alla liquidità delle imprese pari quasi al 20% del PIL. Prevediamo che il disavanzo dell'Area Euro salirà oltre il 10% del PIL, che riafferma la necessità che la BCE continui ad ancorare i bilanci pubblici. Riteniamo che la banca centrale farà ciò che occorrerà e incrementerà i suoi programmi di acquisto se necessario. Le nostre aspettative riguardo a misure di bilancio centralizzate paneuropee sono invece modeste alla luce delle solite questioni di coordinamento politico.

L'incertezza su queste stime macroeconomiche è elevata. Nel complesso, riteniamo che i rischi siano orientati al ribasso in ragione dei possibili ritardi nel contenimento del virus, del rischio di una seconda ondata di infezione e della possibile ripresa più lenta per effetti negativi secondari della crisi.

Regno Unito: Politica di bilancio e politica monetaria mano nella mano

Peder Beck-Friis

Per il Regno Unito, prevediamo una contrazione del PIL di quasi l'8% nel 2020, con il punto minimo ad aprile prima dell'avvio di una lenta ripresa intorno a metà maggio. Ci attendiamo che la recessione sarà breve, di soli due trimestri, ma acuta, con una discesa dal picco al minimo del PIL del 16% (non annualizzato), quasi tre volte più profond della crisi finanziaria del 2008-2009. La successiva normalizzazione sarà lenta per gli strascichi della crisi e l'attività economica probabilmente resterà al di sotto dei livelli pre-COVID fino al 2021. Secondo le nostre previsioni di base, il tasso di disoccupazione si attesterà in prossimità del 6% a fine anno in quanto ci attendiamo che il nuovo programma governativo di sostegno all'occupazione riesca a contenere in qualche modo il numero di licenziamenti. L'inflazione nel frattempo verosimilmente resterà ben al di sotto dell'obiettivo della banca centrale (BoE) nell'orizzonte ciclico in quanto la spinta disinflazionistica del calo dei prezzi del petrolio e della domanda più che compenserà le pressioni derivanti dallo scompiglio nelle filiere produttive e da una maggior debolezza della Sterlina.

La risposta tempestiva e coordinata delle autorità del Regno Unito ha attutito la caduta e, a nostro giudizio, verosimilmente impedirà che lo shock provochi danni duraturi sul lato dell'offerta. Prevediamo che il governo incrementerà lievemente le misure fiscali di sostegno diretto già annunciate e pari al 5% del PIL, portando il disavanzo complessivo nella fascia bassa a due cifre. A tale aiuto si aggiungono i prestiti garantiti dal governo per un valore pari al 15% del PIL. Nel frattempo, ci attendiamo che la BoE continui a essere un credibile sostegno per il bilancio pubblico mantenendo il tasso di riferimento allo 0,1%, incrementando gli acquisti di titoli in modo ampiamente corrispondente all'entità del disavanzo pubblico e con prestito diretto al Tesoro ove opportuno. Ancorché siano improbabili, non escludiamo tuttavia tassi di interesse negativi e controllo della curva dei rendimenti.

Giappone: Coordinamento della politica monetaria e della politica di bilancio

Jun Yamamoto

Per il Giappone prevediamo una riduzione del PIL compresa tra il 3% e il 4% nel 2020, con frenata nella caduta dell'attività economica a maggio quando l'attuale stato di emergenza è previsto cessare.

Prevediamo una contrazione dal picco del terzo trimestre 2019 al punto minimo pari al 6%, marginalmente inferiore rispetto a quella del 2008-2009 che era stata dell'8%.

Prevediamo una ripresa della crescita nella seconda metà del 2020, ma la normalizzazione sarà lenta ed è improbabile un ritorno ai livelli di PIL pre-COVID-19 entro la fine del 2021. Sebbene in Giappone lo stato di emergenza sia meno stringente che in Occidente, l'impatto economico sarà comunque ampio e considerevole. Il cambiamento dei comportamenti dei consumatori verosimilmente comporterà danni di lunga durata ai consumi interni e provenienti dall'estero, quando il Giappone riponeva invece grandi speranze per entrambi in vista delle Olimpiadi.

L'inflazione dovrebbe mantenersi ridotta a fronte delle spinte disinflazionistiche derivanti dal calo dei prezzi del petrolio e dall'output gap in peggioramento. Nel frattempo, la disoccupazione dovrebbe attestarsi al di sopra del 3% a fine 2020.

Sul fronte delle politiche, il governo nipponico ha prontamente messo a punto un pacchetto di stimolo d'entità mai vista prima: 108.000 miliardi di Yen. Prevediamo che l'impulso fiscale 2020 sarà pari all'incirca a 4 punti percentuali del PIL. L'aumento di emissioni di debito pubblico per finanziare lo stimolo richiederà il coordinamento delle politiche monetaria e fiscale. A nostro giudizio, l'attuale quadro di riferimento di controllo della curva dei rendimenti della banca centrale giapponese dovrebbe essere idoneo allo scopo.

Guardando al futuro, i rischi per la crescita sono tuttora orientati al ribasso. Data l'incertezza su quando avverrà il picco dei contagi del COVID-19 e la possibilità di una seconda ondata, lo stato di emergenza potrebbe essere prolungato, ma non ridotto nella durata. Prevediamo tuttavia ulteriore stimolo fiscale qualora dovessero materializzarsi ulteriori rischi di ribasso.

Cina: Recessione senza precedenti, ripresa in sordina

Isaac Meng, Stephen Chang

Il COVID-19 è emerso a Wuhan lo scorso dicembre e il 23 gennaio il governo centrale cinese ha agito con fermezza attuando il lockdown per la provincia dell'Hubei e il distanziamento sociale a livello nazionale. Le misure adottate hanno efficacemente appiattito la curva dei contagi. La trasmissione a livello locale oggi appare largamente contenuta, ma i rischi non sono scomparsi. Permangono molte misure di quarantena e le attività economiche si stanno normalizzando lentamente.

La perdita economica è senza precedenti: in nove settimane di lockdown, la produzione industriale e i servizi hanno avuto una contrazione di circa 10-15 punti percentuali rispetto ai livelli pre-pandemia, e il tasso di disoccupazione potrebbe salire all'8% -9% dal 5%. Il primo trimestre 2020 segnerà il punto più basso della recessione in Cina, a nostro giudizio, con il PIL stimato scendere di 10 punti percentuali al di sotto del livello pre-COVID. A titolo di confronto, il PIL cinese non si era contratto neppure durante la crisi finanziaria mondiale.

Lo stimolo fiscale ad oggi è cresciuto al 16% del PIL, di cui il 5% di disavanzo di bilancio, il 6% tramite un'emissione speciale di debito pubblico per finanziare investimenti e il resto in sostegno al credito e alla liquidità Sebbene l'impulso fiscale possa aggiungere 4 - 5 punti percentuali al PIL, gli effetti moltiplicatori sono deboli per la spesa sia delle imprese che delle famiglie. Ci attendiamo che la banca centrale cinese tagli i tassi ufficiali di 30 - 50 punti base e mantenga ampia liquidità mentre proseguiranno le azioni per mantenere la stabilità dello Yuan.

L'attività economica seguirà probabilmente una traiettoria a U nel corso del 2020. La recessione mondiale colpirà le esportazioni soprattutto nel secondo e terzo trimestre del 2020, la domanda interna trova ancora ostacolo nei vincoli della quarantena e la trasmissione dello stimolo è debole in un contesto di diffusione dei fallimenti e di perdita di posti di lavoro. Prevediamo la crescita del PIL 2020 attestarsi nella fascia compresa tra il -4% e il + 2%, la prima grave recessione in Cina dal 1976. L'economia probabilmente non ritornerà al livello del quarto trimestre 2019 prima del primo trimestre del 2021.

Le incertezze sono elevate e i rischi di ribasso dominano: l'epidemia potrebbe ripresentarsi in nuove ondate, e i fallimenti delle imprese e la perdita di posti di lavoro saranno difficili da invertire. La globalizzazione e l'urbanizzazione hanno già subito importanti contraccolpi con gli scambi commerciali, le filiere produttive, la migrazione della forza lavoro e i flussi di investimento tutti in grande subbuglio. La produttività e la creazione di occupazione nella dinamica fascia costiera sono a rischio di essere permanentemente compromessi.

Per ulteriori approfondimenti sulle prospettive dell'economia mondiale nel 2020 e sulle implicazioni per gli investitori si rimanda alle ultime Prospettive Cicliche di PIMCO, "Dalla Caduta alla Ripartenza".

LEGGI ORA

Articoli Correlati

Disclaimer

Tutti gli investimenti comportano rischi e possono subire perdite di valore. Le previsioni, le stime e talune informazioni contenute nel presente documento sono basate su ricerche proprietarie e non devono essere considerate alla stregua di una consulenza di investimento, di un'offerta o di una sollecitazione, né di un acquisto o una vendita di qualsiasi strumento finanziario. Le previsioni e le stime presentano alcuni limiti intrinseci e, a differenza dei dati effettivi di performance, non riflettono le transazioni effettive, i vincoli di liquidità, le commissioni e/o altri costi. Inoltre, i riferimenti a risultati futuri non vanno interpretati come una stima o una promessa di risultati che il portafoglio di un cliente potrebbe conseguire.

Le affermazioni relative alle tendenze dei mercati finanziari o alle strategie di portafoglio sono basate sulle attuali condizioni di mercato, che sono soggette a variazioni. Non sussiste alcuna garanzia che le suddette strategie di investimento si rivelino efficaci in tutte le condizioni di mercato o che siano idonee a tutti gli investitori. Ciascun investitore è tenuto a valutare la propria capacità di investimento a lungo termine, in particolare nei periodi di flessione del mercato. Le prospettive e le strategie possono variare senza preavviso.

PIMCO in generale fornisce servizi a investitori istituzionali, intermediari finanziari e istituzioni qualificate. Si consiglia agli investitori privati di rivolgersi al proprio consulente finanziario per valutare le opzioni d'investimento più adeguate alla propria situazione finanziaria. Il presente documento riporta le opinioni del gestore, che possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Questo materiale viene distribuito unicamente a scopo informativo e non deve essere considerato alla stregua di una consulenza d'investimento o di una raccomandazione in favore di particolari titoli, strategie o prodotti d'investimento. Le informazioni contenute nel presente documento sono state ottenute da fonti ritenute attendibili, ma non si rilascia alcuna garanzia in merito. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta in alcuna forma o citata in altre pubblicazioni senza espressa autorizzazione scritta. PIMCO è un marchio depositato di Allianz Asset Management of America L.P. negli Stati Uniti e nel resto del mondo. ©2020, PIMCO.

In Europe the Crisis Policy Response Is Substantial, But More Is Likely Needed
XDismiss Next Article