Anti-Goldilocks
Prospettive cicliche

Anti‑Goldilocks

La gestione attiva unitamente alla consapevolezza del rischio può aiutare gli investitori a fronteggiare uno scenario economico globale in cui l’inflazione si surriscaldi e la crescita si raffreddi.

A cura di

Joachim Fels

Consulente economico globale

Andrew Balls

CIO Global Fixed Income

in-page
LEGGI IL DOCUMENTO

Prospettive Economiche

C’è un punto su cui i professionisti degli investimenti di PIMCO si sono immediatamente trovati d’accordo quando ci siamo ritrovati, in larga misura nuovamente in videoconferenza, per il nostro recente Cyclical Forum trimestrale: l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, le conseguenti sanzioni e le rotazioni sui mercati delle materie prime gettano una coltre ancor più pesante d’incertezza su quello che già prima di questo terribile conflitto si presentava come uno scenario incerto per l’economia e i mercati finanziari.

Abbiamo rievocato, all’esordio del nostro incontro, il concetto di incertezza radicale o knightiana, un tema ricorrente nei nostri dibattiti in PIMCO nel corso degli anni (si veda, ad esempio, “King, Keynes e Knight: riflessioni sull’incertezza economica” del luglio del 2016). A differenza del rischio, che può essere quantificato assegnando delle probabilità agli esiti sulla base dell’esperienza o dell’analisi statistica, l’incertezza è essenzialmente non misurabile e rappresenta le incognite inconoscibili. In un contesto di incertezza radicale, le previsioni puntuali non sono dunque particolarmente utili nel formulare strategie d’investimento. Pertanto il nostro dibattito sulle prospettive macroeconomiche si è mantenuto su un livello più generale del solito, essendo consapevoli dell’ampio ventaglio di scenari possibili e del potenziale di non linearità e di repentini cambi di regime nell’economia e sui mercati finanziari.

Nonostante le innumerevoli incognite, abbiamo elaborato cinque principali conclusioni sulle prospettive nell’orizzonte ciclico dei prossimi 6-12 mesi che riteniamo siano le più rilevanti per gli investitori in questa fase. Discuteremo delle implicazioni di più lungo periodo dell’attuale situazione al nostro prossimo Secular Forum a maggio.

1) Uno scenario economico ‘anti-Goldilocks’

Innanzitutto, a livello globale l’economia e le autorità sono alle prese con uno shock di stampo stagflazionistico sul lato dell’offerta che è negativo per la crescita e tenderà a spingere l’inflazione ulteriormente al rialzo. Sono quattro i principali canali di trasmissione: 1) i rincari dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari; 2) lo sconvolgimento delle filiere di approvvigionamento e dei flussi commerciali; 3) l’inasprimento delle condizioni finanziarie; e 4) il diminuire della fiducia di famiglie e imprese alla luce dell’accresciuta incertezza. Il combinarsi di questi fattori potrebbe facilmente sfociare in quello che uno dei partecipanti al nostro forum ha definito uno “scenario economico anti-Goldilocks” ossia con inflazione surriscaldata e crescita raffreddata.

Nel nostro scenario di base di massima prevediamo tuttora una crescita superiore al tendenziale nelle economie sviluppate in generale, sebbene rispetto alle proiezioni antecedenti lo scoppio del conflitto abbiamo rivisto al ribasso la nostra stima di crescita di circa 1 punto percentuale portandola al 3% per il 2022. La crescita in generale resta sorretta dalla ripresa delle attività economiche post pandemia e dai risparmi accumulati che possono sostenere la domanda.

Le prospettive sia per la crescita che per l’inflazione sono offuscate da condizioni di partenza già fragili
Anti-Goldilocks

Inoltre, sulla base dell’ipotesi tecnica che i prezzi effettivi delle materie prime seguano la traiettoria discendente (alla data di stesura di questo documento) dei relativi futures, prevediamo che l’inflazione, sia complessiva che di fondo, raggiunga il picco nei prossimi mesi, ai livelli rivisti al rialzo, per poi moderarsi gradualmente. Si noti che rispetto al nostro Forum di dicembre abbiamo rivisto al rialzo la nostra stima di inflazione media per i mercati sviluppati nel 2022 di 2 punti percentuali portandola al 5%. Rispetto al nostro scenario di base sussistono tuttavia evidenti significativi rischi al ribasso per la crescita e al rialzo per le prospettive d’inflazione, soprattutto nell’eventualità di ulteriore escalation della guerra o delle sanzioni. Facciamo notare l’incremento dell’indice del rischio geopolitico pubblicato dai ricercatori della Federal Reserve americana – si veda la Figura 1. Inutile dire che questi sviluppi tendono a rafforzare il nostro tema di lungo periodo di cicli più brevi e di maggiore ampiezza per la crescita e l’inflazione.

Figura 1 – Rischio geopolitico ai livelli massimi da quasi due decenni

 

 
Fonte: Caldara, Dario, e Matteo Iacoviello (2021), “Measuring Geopolitical Risk,” working paper, Board of Governors of the Federal Reserve Board, novembre 2021; dati al 28 febbraio 2022.

2) Maggiore probabilità di non linearità per crescita e inflazione

Un secondo aspetto che è opportuno evidenziare è che le prospettive sia per la crescita che per l’inflazione sono offuscate da potenziali non linearità legate a condizioni di partenza già fragili. In particolare, vi erano già diffuse strozzature nelle filiere di approvvigionamento dovute al COVID-19 che incidevano sulla produzione e spingevano al rialzo costi e prezzi in molti settori. L’invasione russa in Ucraina e le conseguenti sanzioni hanno portato ulteriore scompiglio proprio quando alcuni dei colli di bottiglia legati al COVID avevano cominciato ad allentarsi. Sebbene la Russia rappresenti solamente l’1,5% del commercio globale, ha un’incidenza molto superiore in una serie di materie prime sia energetiche che di altra natura. L’Ucraina non è soltanto uno dei maggiori produttori di cereali ma è anche un importante fornitore di componenti per l’industria automobilistica europea oltre che di elementi necessari alla produzione di chip come il neon. Data la complessità delle filiere globali, scarsità apparentemente minori di determinati componenti e materie prime possono avere un impatto spropositato sulla produzione e sui prezzi.

In aggiunta, i recenti lockdown dovuti a focolai di COVID in alcune aree della Cina potrebbero determinare nuove strozzature nelle filiere globali indipendentemente dall’evoluzione della situazione fra Russia e Ucraina. Persino in uno scenario in cui la guerra terminasse presto e la morsa dei prezzi delle materie prime si attenuasse, crediamo che sarebbe prematuro concludere che tutto torni alla normalità. È opportuno tenere presente che anche dopo un’eventuale conclusione del conflitto in Ucraina, le sanzioni verosimilmente resteranno in vigore a lungo, ostacolando i flussi commerciali e di capitali e acutizzando problematiche nelle catene di fornitura.

Un’altra potenziale non linearità riguarda l’inflazione. Già prima dello shock della guerra in Ucraina l’inflazione era a massimi che non si vedevano da svariati decenni in molti paesi e le aspettative d’inflazione di lungo termine erano in rialzo – si veda la Figura 2 per i dati americani. L’ulteriore pressione al rialzo sui prezzi sul breve termine ha incrementato il rischio di disancoraggio delle aspettative di medio e lungo termine e di spirale salari-prezzi. Il rischio è maggiore negli Stati Uniti dove il mercato del lavoro è già sottoposto a grande pressione, ma vista l’entità dello shock attuale il rischio d’inflazione è significativo anche in Europa. Molto dipenderà dalla reazione delle autorità di politica monetaria e di governo, tema che trattiamo più oltre.

Figura 2 – Le aspettative d’inflazione negli Stati Uniti sono cresciute in modo significativo dalla pandemia ma al momento restano in linea con le medie di lungo periodo

 

 
Fonte: PIMCO, Haver Analytics. Ahn, Hie Joo, e Chad Fulton (2021). “Research Data Series: Index of Common Inflation Expectations,” FEDS Notes. Washington: Board of Governors of the Federal Reserve System, 5 marzo 2021; dati all'11 marzo 2022. Il PCE è l’indice dei prezzi prediletto dalla Fed per la rilevazione dell’inflazione americana.

3) Uno shock asimmetrico genera maggiore divergenza

Una terza implicazione della guerra in Ucraina è che probabilmente condurrà a maggiore dispersione degli esiti economici e d’inflazione fra i vari paesi e le diverse regioni nell’orizzonte ciclico. Facciamo osservare che questi sviluppi tendono ad amplificare un altro dei nostri temi di lungo periodo ossia quello di una maggiore divergenza per la crescita e l’inflazione dei diversi paesi.

L’inflazione e la crescita probabilmente evolveranno in modo molto differente nelle diverse regioni
Anti-Goldilocks

L’Europa probabilmente sarà la più colpita per la sua vicinanza geografica all’area del conflitto, i suoi più stretti legami commerciali, finanziari e di filiera con la Russia e l’Ucraina, la sua maggiore dipendenza dalle forniture di gas e petrolio russi nonché in quanto destinazione dei rifugiati che fuggono dalla guerra. Il rischio che l’Europa precipiti in recessione quest’anno e al contempo sperimenti inflazione significativamente più elevata è cresciuto in modo sostanziale, soprattutto qualora si interrompa il flusso di gas dalla Russia.

La Cina e la maggior parte delle altre economie asiatiche hanno legami commerciali diretti minori con la Russia ma probabilmente subiranno ripercussioni negative dai rincari dei prezzi energetici, dal calo del turismo russo e dal rallentamento della crescita in Europa. Inoltre, la Cina è esposta al rischio non trascurabile di sanzioni secondarie che potrebbero nuocere alla sua economia, nell’eventualità di un’ulteriore escalation del conflitto e qualora il paese del Dragone decidesse di allinearsi in modo troppo stretto con la Russia.

Nei mercati emergenti, gli esportatori di materie prime quali il petrolio, il minerale di ferro, il rame, i metalli, il grano e il mais dovrebbero beneficiare di ragioni di scambio più favorevoli. Al contempo, i prezzi più elevati delle materie prime tenderanno ad accrescere le già alte pressioni inflazionistiche nella maggior parte delle economie emergenti soprattutto in quei paesi in cui le aspettative d’inflazione non sono ben ancorate. Ci aspettiamo che determinati paesi del Nord Africa e del Medio Oriente saranno colpiti in modo sproporzionatamente severo da aumenti del prezzo del grano e dal calo del turismo. Le difficoltà economiche potrebbero anche comportare maggiore instabilità politica come già accaduto nella cosiddetta Primavera Araba oltre un decennio fa quando i pungenti rincari dei generi alimentari furono tra i fattori che contribuirono a scatenare i tumulti.

L’economia americana appare invece relativamente isolata dagli effetti diretti della guerra in Ucraina visti i minimi legami commerciali diretti con quella regione e la relativa indipendenza energetica degli Stati Uniti. Tuttavia, il rallentamento della crescita in altre aree mondiali, i sensibili aumenti dei prezzi della benzina, le potenziali interruzioni nelle filiere globali delle forniture e il deciso inasprimento delle condizioni finanziarie dopo lo scoppio del conflitto in Ucraina (si veda la Figura 3) possono verosimilmente esercitare un freno sulla crescita e spingere l’inflazione più in alto quest’anno, a nostro giudizio.

Figura 3 – Negli Stati Uniti le condizioni finanziarie si sono rapidamente inasprite dopo l’invasione dell’Ucraina

Figura 3 – Negli Stati Uniti le condizioni finanziarie si sono rapidamente inasprite dopo l’invasione dell’Ucraina 

 
Fonte: PIMCO, Federal Reserve e Bloomberg, al 15 marzo 2022. L’indice PIMCO delle condizioni finanziarie negli Stati Uniti (indice FCI) è un indice proprietario che sintetizza le informazioni relative allo stato futuro dell’economia riflesse in un ampio insieme di variabili finanziarie tra cui i tassi sui fed funds, i rendimenti obbligazionari, gli spread creditizi, le quotazioni azionarie, i prezzi del petrolio e l’indice del Dollaro ponderato per l’interscambio. I pesi di queste variabili sono determinati dalle simulazioni effettuate con il modello FRB/US della Federal Reserve. Un aumento (calo) dell’indice FCI implica un inasprimento (allentamento) delle condizioni finanziarie.

4) Banche centrali: scelte difficili

La maggior parte delle banche centrali appare determinata a dare priorità alla lotta all’inflazione rispetto al sostegno alla crescita. In tempi normali, ci aspetteremmo che le banche centrali andassero oltre le conseguenze inflazioniste di uno shock sul lato dell’offerta, ma questi non sono tempi normali. Lo shock attuale è infatti giunto in un momento in cui l’inflazione era già elevata a seguito del periodo del COVID e delle conseguenti persistenti strozzature nelle filiere. Le autorità monetarie appaiono pertanto concentrate in via primaria a prevenire gli effetti di secondo impatto, i cosiddetti second round effects, dell’inflazione elevata e un ulteriore incremento delle aspettative d’inflazione. Va da sé che questo accresce il rischio di un atterraggio difficile più avanti e implica l'aumento del rischio di recessione più oltre quest’anno o nel 2023; non è il nostro scenario di base ma è un rischio da tenere d’occhio.

In Europa, l’area più interessata dallo shock russo in termini di rischi per il PIL e che, assieme al Giappone, presenta le dinamiche d’inflazione sottostante più contenute, la banca centrale (BCE) ha dimostrato alla sua riunione di marzo di non aver intenzione di deviare dalla sua rotta di ritiro dell’accomodamento a fronte delle attuali prospettive.

Dal canto suo, la Federal Reserve americana in occasione della sua riunione di marzo ha avviato un nuovo ciclo di rialzi dei tassi, risollevando il tasso sui Fed funds dalla soglia dello zero, e ha inoltre segnalato una serie di aumenti dei tassi quest’anno unitamente al probabile avvio della riduzione del suo bilancio a una delle sue prossime riunioni. (Si veda il nostro blog sulle implicazioni della riunione di marzo della Fed).

Sempre a marzo, la britannica Bank of England ha alzato i tassi per la terza volta in tre mesi e segnalato che probabilmente opererà ulteriore inasprimento. Molte delle altre banche centrali dei mercati sia sviluppati che emergenti sono su un percorso di politica monetaria restrittiva per contrastare pressioni inflazionistiche dilaganti. L’unica eccezione di rilievo è rappresentata dalla Cina dove l’inflazione al di sotto dell’obiettivo, la robustezza della valuta e le preoccupazioni per la crescita hanno indotto la banca centrale a operare un moderato allentamento monetario negli ultimi mesi ed eventuali strette quest’anno appaiono improbabili.

La maggior parte delle banche centrali sta scegliendo di dare priorità al contrasto all’inflazione rispetto al sostegno alla crescita
Anti-Goldilocks

Pertanto, per la prima volta dagli stagflazionistici anni ’70 e primi anni ’80, è improbabile che le principali banche centrali occidentali, Fed in testa, accorrano in soccorso per contrastare uno shock che incide negativamente sulla crescita in quanto questo shock al contempo spinge al rialzo l’inflazione. Questo accresce il rischio di crescita più fiacca o addirittura di recessione per le economie sviluppate e di penalizzazione per i mercati finanziari.

Come già evidenziato nel nostro Secular Outlook “L’Epoca della Trasformazione” nel nostro scenario di base prevediamo tassi ufficiali neutrali reali bassi in parte in ragione dei persistenti driver di lungo termine e in parte per la sensibilità dei mercati finanziari a tassi più alti. Tuttavia, l’inflazione più elevata verosimilmente comporterà scelte difficili per le banche centrali e opportunità per gli investitori con approccio attivo qualora la stretta in corso da parte delle autorità monetarie produca eccessi sui mercati finanziari.

5) Politica di bilancio: risposta più fievole

In occasione dello shock causato dalla pandemia è intervenuto il sostegno non solo della politica monetaria ma anche dei governi che hanno reagito con ogni strumento a loro disposizione. Nell’attuale frangente le banche centrali stanno terminando i loro programmi di acquisti di titoli e alzando i tassi ufficiali e con debiti e disavanzi pubblici a livelli considerevolmente più alti è probabile che la risposta dei governi allo shock attuale sarà molto più moderata.

Siamo convinti che in Europa ci saranno interventi di finanza pubblica, in parte sotto forma di incremento della spesa per la difesa (che richiederà del tempo per produrre i suoi effetti) e in parte attraverso trasferimenti e sgravi fiscali volti ad attutire l’impatto dei rincari energetici sul reddito disponibile. Tuttavia queste misure verosimilmente compenseranno solo parzialmente il freno esercitato dal venir meno dei sostegni temporanei concessi nel periodo della pandemia. Sono inoltre probabili ulteriori interventi comuni attraverso il bilancio UE, questa volta per la difesa e per ulteriori investimenti in energie rinnovabili. Tuttavia, potrebbe essere un processo lento che avrà un impatto economico solo ben oltre il nostro orizzonte ciclico.

Negli Stati Uniti, sul versante della politica di bilancio nella migliore delle ipotesi è probabile solo un ulteriore sostegno di minore entità nel breve periodo, vista la situazione pressoché di stallo al Congresso. Dopo le elezioni di metà mandato di novembre, qualora i Repubblicani conquistassero la maggioranza alla Camera e forse anche al Senato, l’adozione di ulteriori misure espansive di bilancio nei prossimi anni potrebbe essere impedita. Benché non di sostegno per la crescita nell’orizzonte ciclico, questo dovrebbe contribuire a moderare le pressioni inflazionistiche in quanto, come ben testimonia l’esperienza della pandemia, l’inflazione è un fenomeno non solo monetario ma anche fiscale.

Articoli Correlati

Implicazioni per gli investimenti

In questo contesto difficile e incerto, un asse centrale della nostra strategia d’investimento sarà l’enfasi sulla flessibilità e la liquidità dei portafogli. Crediamo sia prezioso poter disporre di spazio nel budget di rischio e di liquidità per rispondere agli eventi e trarre benefici dalle opportunità che si presenteranno. Ci sono molte ragioni per restare abbastanza prossimi alla base in termini di fattori macro di rischio ed esercitare estrema cautela nell’impegnare la liquidità.

Duration

Prevediamo di mirare a modesti sottopesi di duration alla luce dei livelli attuali, dei rischi al rialzo per l’inflazione e delle prospettive di inasprimento da parte delle banche centrali che danno priorità al contrasto credibile all’inflazione rispetto alle preoccupazioni per la crescita sul breve termine.

Nel credito, il posizionamento dei portafogli è focalizzato su resilienza, liquidità e conservazione del capitale
Anti-Goldilocks

Non prevediamo di detenere ampie posizioni di rischio vista la possibilità che le preoccupazioni per la crescita di oggi si trasformino in rallentamento della crescita domani e alla luce della vulnerabilità dei mercati azionari rispetto a previsioni di inasprimento prolungato che si spinga oltre quanto attualmente scontato dai mercati. A fronte del ciclo di politica monetaria restrittiva in generale in atto a livello globale, prevediamo di ridurre enfasi sulle posizioni sulla curva. Continuiamo a ritenere i TIPS americani (obbligazioni del Tesoro indicizzate all’inflazione) uno strumento di prezzo ragionevole per mitigare i rischi al rialzo dell’inflazione statunitense.

Credito

C’è stato uno storno generale degli attivi a spread. Ravvisiamo potenziale per incrementare il rischio di spread nei portafogli in chiave opportunistica, ma privilegiamo decisamente il credito strutturato nonché titoli societari che riteniamo a rischio remoto di insolvenza. C’è il rischio di ulteriore debolezza sui mercati del credito in caso di escalation del conflitto fra Russia e Ucraina o qualora le principali banche centrali dovessero inasprire la stretta per affrontare accresciute pressioni inflazionistiche. Nel credito, il posizionamento dei portafogli è focalizzato su resilienza, liquidità e conservazione del capitale in un ampio ventaglio di scenari.

Punteremo a un posizionamento di sottopeso per il credito societario generico. In primo luogo, vi sono diversi segmenti dei mercati del credito cartolarizzato che crediamo costituiscano una valida alternativa al credito societario in quanto presentano superiore qualità del credito o rischio più remoto di insolvenza. Questi segmenti comprendono i titoli americani da cartolarizzazioni di mutui residenziali (RMBS), gli asset-backed securities (ABS) e i titoli da cartolarizzazioni di mutui su immobili commerciali (CMBS), soprattutto americani, britannici, oltre ad alcuni europei selezionati con collaterale di qualità superiore. In secondo luogo, tra i settori del credito societario prevediamo di continuare a privilegiare titoli finanziari senior. La recente debolezza dovrebbe offrire opportunità di incrementare il rischio accrescendo le dimensioni delle posizioni in modo attento, investendo in grandi banche globali che presentano basso rischio di default anche in un contesto di volatilità molto più elevata. Sui mercati del credito verosimilmente manterremo la predilezione per gli Stati Uniti rispetto all’Europa e ai Mercati Emergenti, alla luce della minore esposizione e vulnerabilità rispetto al dipanarsi degli eventi in Russia e Ucraina. Continuiamo inoltre a porre enfasi sulla liquidità nell’esprimere beta nel credito e a focalizzarci sulle obbligazioni societarie fisiche più resilienti e su cui nutriamo la più alta convinzione, frutto della selezione operata dal nostro team globale di specialisti del credito.

Valute e Mercati Emergenti

Riguardo alle valute, nei portafogli dove queste posizioni di rischio sono in linea con le linee guida e le aspettative dei nostri clienti, prevediamo un sovrappeso su valute G-10 e dei mercati emergenti selezionate, con una focalizzazione sul beta delle materie prime e su valutazioni convenienti. Manterremo queste posizioni piuttosto contenute nell’attuale contesto di incertezza. Riguardo ai mercati emergenti, in generale prevediamo di detenere un’esposizione limitata ma continuando a ricercare opportunità appetibili in un contesto difficile.

Commodity

Venendo all’asset allocation al di là dei portafogli focalizzati sulle obbligazioni, prima dei recenti eventi in Ucraina, i mercati delle materie prime cominciavano a presentare le classiche caratteristiche di fine ciclo laddove la domanda stava cominciando a superare l’offerta. Pertanto, a parità di livello di prezzo, ci aspetteremmo una crescita inferiore della produzione rispetto a solo qualche anno fa. Vista l’importanza della componente energetica nei costi di produzione delle altre materie prime, l’impatto sull’inflazione generale sarà verosimilmente significativo. In questo contesto, gli eventi in Ucraina, sebbene fluidi, possono potenzialmente condurre a prezzi significativamente più elevati a seguito delle iniziative volte a ridurre la dipendenza dalle importazioni dalla Russia per un ventaglio di materie prime. Poiché gli indici delle materie prime presentano carry positivo a livelli che si sono visti raramente, crediamo che le materie prime possano anch’esse fungere da componente di mitigazione dei rischi al rialzo dell’inflazione.

Azioni

Prevediamo un posizionamento in generale neutrale sul rischio per il beta azionario nel complesso nei nostri portafogli multi asset. Siamo convinti di essere ormai in fase ben avanzata del ciclo e sebbene la crescita goda ancora di slancio robusto è tuttavia sempre più vulnerabile al rischio di ribasso. I multipli azionari si sono compressi in linea con la stretta delle banche centrali che i prezzi scontano lasciando agli utili delle imprese il ruolo di driver primario dei rendimenti in prospettiva futura. Il contesto attuale favorisce le società di alta qualità e meno cicliche, a nostro giudizio. I nostri portafogli multi asset, al pari di quelli obbligazionari, tenderanno a porre enfasi sul disporre di liquidità da impiegare per trarre benefici dalle dislocazioni che si presenteranno sui mercati azionari.


Prospettive Cicliche di PIMCO

Scarica il pdf
Il processo d’investimento della gestione attiva di PIMCO

Alimentato dalle idee, collaudato nei decenni

I nostri Forum

Il Secular e i Cyclical forum di PIMCO sono forum economici nei quali i nostri professionisti degli investimenti di tutto il mondo si riuniscono quattro volte l’anno per dibattere dello stato dell'economia e dei mercati globali e individuare le tendenze che a nostro avviso avranno rilevanti implicazioni d'investimento. Questi forum alimentano il processo di investimento di PIMCO che si è evoluto nel corso dei 50 anni della nostra storia e ha dimostrato il suo valore in pressoché tutti i contesti di mercato.

Durante il Secular Forum, che si tiene una volta all'anno, ci concentriamo sulle prospettive per i prossimi cinque anni, al fine di assicurarci che i nostri portafogli siano posizionati in modo da beneficiare delle tendenze e dei cambiamenti strutturali in atto nell'economia globale. Poiché crediamo che avvalersi di una pluralità di idee produca migliori risultati d’investimento, invitiamo illustri relatori (economisti, politici e storici, alcuni dei quali insigniti del premio Nobel) che offrono validi spunti alle nostre discussioni, fornendo una prospettiva pluridimensionale. Apprezziamo inoltre la partecipazione attiva del Global Advisory Board di PIMCO, composto da esperti di fama mondiale in materia di politica ed economia.

Nell'ambito dei Cyclical Forum, che si svolgono tre volte all'anno, ci focalizziamo invece sulle prospettive a sei-dodici mesi, analizzando le dinamiche del ciclo economico nei principali paesi sviluppati ed emergenti con l'obiettivo di individuare potenziali cambiamenti delle politiche monetarie e fiscali, dei premi al rischio e delle valutazioni relative che determinano il posizionamento dei portafogli.

PIMCO