Blog

Le curve dei rendimenti si appiattiscono al mutare delle attese sulla politica monetaria

La volatilità che ha agitato l’obbligazionario sulle scadenze a breve termine segnala un mutamento delle aspettative in merito alla politica monetaria delle banche centrali dei mercati sviluppati.

Nelle ultime settimane i rendimenti obbligazionari si sono mossi nettamente al rialzo sulle scadenze brevi mentre sono scesi in modo modesto sulle scadenze più lunghe in molti paesi. Questo appiattimento delle curve dei rendimenti riflette timori che i rischi d’inflazione si rivelino più persistenti sul breve termine e più duraturi nel tempo di quanto ci si aspettasse.

La velocità e l’entità del riprezzamento suggeriscono che gli investitori si aspettano che le banche centrali di paesi sviluppati come il Regno Unito, gli Stati Uniti, l’Australia e il Canada comincino a stringere i rubinetti della politica monetaria prima e a un ritmo più spedito di quanto si pensasse. Molti investitori si interrogano su cosa aspettarsi dalla prossima fase della politica monetaria.

Nonostante la recente volatilità, i prezzi indicano che il mercato ritiene tuttora che le banche centrali agiranno in modo credibile per mantenere le aspettative d’inflazione ben ancorate. Le aspettative d’inflazione di lungo termine sono rimaste relativamente stabili.

Emergono forze di appiattimento

L’appiattimento delle curve dei rendimenti tipicamente si verifica in fase relativamente più avanzata del ciclo economico quando gli investitori si attendono che le banche centrali innalzino i tassi di riferimento a breve e questo spinge al rialzo i rendimenti obbligazionari sulle scadenze brevi rispetto a quelle a lungo termine. Il comportamento delle curve dei rendimenti può pertanto prefigurare cambiamenti della politica monetaria e delle prospettive economiche.

Molto del recente mutamento di pensiero da parte dei mercati è frutto degli interrogativi che si pongono riguardo alla durata delle strozzature nelle filiere e degli squilibri fra domanda e offerta in vari settori nella fase di uscita dell’economia mondiale dal rallentamento innescato dal COVID-19. Alcune metriche dell’inflazione permangono elevate e gli operatori di mercato ipotizzano una riduzione più imminente del quantitative easing nonché aumenti dei tassi d’interesse all’orizzonte.

I recenti movimenti sulla porzione a breve delle curve dei tassi di interesse hanno portato a una riduzione dell’esposizione in molte strategie obbligazionarie tradizionali di stampo relative value e focalizzate sul carry a livello globale. A seguito di perdite causate dall’aumento dei tassi nella porzione a breve, anche gli hedge fund hanno ridotto l’esposizione al rischio, compreso tramite riacquisti di posizioni corte sulla porzione a lunga scadenza con conseguenti ulteriori effetti di appiattimento della curva.

Con l’aumento della volatilità e dei costi delle transazioni, gli intermediari tradizionali e la struttura del mercato hanno reso difficile per i veri fornitori di liquidità sostenere i mercati e alleggerire la dislocazione, che sulle curve dei rendimenti è al livello più alto osservato da marzo 2020.

Da un lato, il generale appiattimento della curva e cicli economici più brevi sono in linea con la nostra view secolare di cicli economici probabilmente più corti e di accresciuta ampiezza rispetto al passato, e potrebbero comportare una ritirata comparativamente precoce dell’accomodamento monetario. Tuttavia, a nostro avviso, l’entità del recente appiattimento della curva suggerisce che il mutamento di orientamento dei mercati possa essere stato troppo repentino.

Un frangente complesso per la politica monetaria

Al pari dei mercati anche molte banche centrali paiono avere cambiato tono sull’inflazione. Per gran parte di quest’anno, hanno indicato che l’accelerazione dell’inflazione evidenziata dai dati economici fosse transitoria. Ora mettono in dubbio questa tesi e sono sorte preoccupazioni che l’inflazione più alta realizzata possa cominciare a incidere sulle aspettative d’inflazione di lungo termine.

Ad esempio, nel Regno Unito, i recenti prezzi di mercato riflettono aspettative di più di un rialzo di 25 punti base (pb) prima della fine di quest’anno e di un tasso di riferimento della Bank of England (BoE) a 1,25%–1,5% entro la fine del 2022. Un anno fa, i prezzi dei futures a 90 giorni sulla Sterlina indicavano una riduzione del tasso di riferimento della banca centrale del Regno Unito al di sotto dello 0% entro la fine del 2022.

Il cambiamento di sentiment potrebbe essere troppo accelerato

Benché noi concordiamo con la direzione di base del recente cambiamento del sentiment, riteniamo che il mutamento delle aspettative del mercato potrebbe essere troppo anticipatorio per diverse ragioni.

In primo luogo, le aspettative d’inflazione futura incorporate nei titoli indicizzati all’inflazione riflettono una previsione d’inflazione oltre l’orizzonte ciclico del prossimo anno tutto sommato in linea con l’obiettivo delle banche centrali.

In secondo luogo, sebbene le banche centrali verosimilmente agiranno per mantenere ancorate le aspettative d’inflazione, sono ben consapevoli che la politica monetaria non sia lo strumento migliore per affrontare le pressioni al rialzo sui prezzi che derivano da uno shock o da nodi sul lato dell’offerta nell’economia.

In terzo luogo, i rischi estremi, ossia la possibilità di esiti imprevisti, derivanti dal COVID-19 sono diminuiti ma non sono spariti del tutto e l’occupazione nella maggior parte delle economie è tuttora ben inferiore ai livelli a cui era prima dell’arrivo della pandemia. Benché una ritirata ben calibrata dello stimolo monetario sarà necessaria, le banche centrali sono propense a continuare a sostenere la ripresa del mercato del lavoro e dunque non inclini a chiudere i rubinetti troppo velocemente.

Il cambiamento può creare opportunità

Il premio al rischio associato alle attese di rialzi dei tassi a questo punto potrebbe perdurare più del previsto ossia i mercati potrebbero continuare a sovrastimare l’evoluzione della politica monetaria rispetto alla sua traiettoria effettiva alla luce dei recenti movimenti sulla curva dei rendimenti e delle preoccupazioni in merito alle aspettative d’inflazione.

Il rapido riprezzamento delle aspettative spesso ha creato opportunità che hanno prodotto validi rendimenti in quanto l’eccessivo premio al rischio diventa inglobato nella porzione a breve della curva. La gestione attiva favorisce un’adeguata valutazione delle caratteristiche di rischio/rendimento e mira a cogliere benefici dalle opportunità che derivano dal riprezzamento della curva nonché dal passaggio delle banche centrali da una politica accomodante di straordinaria entità a dinamiche potenzialmente da fase avanzata del ciclo.

Per saperne di più sulle previsioni di lungo termine di PIMCO leggi il nostro ultimo Secular OutlookL’Epoca della Trasformazione”.

Sachin Gupta è gestore di portafoglio e a capo del desk globale. Rick Chan  è gestore di portafoglio focalizzato su strategie globali macro e trading relative value sui tassi d’interesse.

A cura di

Sachin Gupta

Responsabile del team di gestione di portafogli globali

Rick Chan

Gestore, derivati su tassi d'interesse

Articoli Correlati

Disclaimer

London
PIMCO Europe Ltd
11 Baker Street
London W1U 3AH, England
+44 (0) 20 3640 1000

Dublin
PIMCO Europe GmbH Irish Branch,
PIMCO Global Advisors (Ireland)
Limited
3rd Floor, Harcourt Building 57B Harcourt Street
Dublin D02 F721, Ireland
+353 (0) 1592 2000

Munich
PIMCO Europe GmbH
Seidlstraße 24-24a
80335 Munich, Germany
+49 (0) 89 26209 6000

Milan
PIMCO Europe GmbH - Italy
Corso Matteotti 8
20121 Milan, Italy
+39 02 9475 5400

Zurich
PIMCO (Schweiz) GmbH
Brandschenkestrasse 41
8002 Zurich, Switzerland
Tel: + 41 44 512 49 10

PIMCO Europe GmbH (società n. 192083, Seidlstr.24-24a, 80335 Monaco, Germania) e la filiale italiana di PIMCO Europe GmbH (società n. 10005170963) sono autorizzate e regolamentate dall'Autorità di vigilanza finanziaria federale tedesca (BaFin) (Marie-Curie-Str. 24-28, 60439 Francoforte sul Meno) in Germania ai sensi della Sezione 32 della Legge bancaria tedesca (KWG). La filiale italiana è inoltre soggetta alla supervisione della Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (CONSOB) ai sensi del Testo Unico della Finanza italiano e della relativa normativa di attuazione. PIMCO Europe GmbH non fornisce servizi di investimento direttamente a clienti al dettaglio. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta in alcuna forma o citata in altre pubblicazioni senza espressa autorizzazione scritta. PIMCO è un marchio registrato di Allianz Asset Management of America L.P. negli Stati Uniti e nel resto del mondo. © 2021, PIMCO

Tutti gli investimenti comportano rischi e possono subire perdite di valore. L'investimento nel mercato obbligazionario è soggetto a taluni rischi, tra cui il rischio di mercato, di tasso d'interesse, di emittente, di credito, di inflazione e di liquidità. Il valore della maggior parte delle obbligazioni e delle strategie obbligazionarie varia in funzione delle fluttuazioni dei tassi d'interesse. Le obbligazioni e le strategie obbligazionarie con duration più lunga tendono a evidenziare una maggiore sensibilità e volatilità rispetto a quelle con duration più breve. Di norma, i prezzi delle obbligazioni diminuiscono in caso di aumento dei tassi d'interesse e i contesti di bassi tassi d'interesse fanno aumentare tale rischio. Le riduzioni di capacità delle controparti obbligazionarie possono contribuire al calo della liquidità del mercato e all'aumento della volatilità dei prezzi. Al momento del rimborso gli investimenti obbligazionari possono avere un valore superiore o inferiore al costo iniziale. Il valore delle azioni può diminuire a causa delle condizioni di mercato, economiche e industriali sia reali che percepite. Con rischio di gestione si intende il rischio che le tecniche d'investimento e le analisi del rischio impiegate da PIMCO non producano i risultati desiderati e che alcune politiche o determinati sviluppi possano incidere sulle tecniche d'investimento a disposizione di PIMCO nella gestione della strategia.

Le affermazioni relative alle tendenze dei mercati finanziari o alle strategie di portafoglio sono basate sulle condizioni di mercato correnti, che sono soggette a variazioni. Non sussiste alcuna garanzia che le suddette strategie di investimento si rivelino efficaci in tutte le condizioni di mercato o che siano idonee a tutti gli investitori. Ciascun investitore è tenuto a valutare la propria capacità di investimento a lungo termine, in particolare nei periodi di flessione del mercato Le prospettive e le strategie possono variare senza preavviso. Si consiglia agli investitori di rivolgersi al proprio professionista degli investimenti prima di prendere qualsiasi decisione di investimento.

PIMCO in generale fornisce servizi a investitori istituzionali, intermediari finanziari e istituzioni qualificate. Si consiglia agli investitori individuali di rivolgersi al proprio consulente finanziario per valutare le opzioni d'investimento più adeguate alla propria situazione finanziaria. Il presente documento riporta le opinioni del gestore, che possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Questo materiale viene distribuito unicamente a scopo informativo e non deve essere considerato alla stregua di una consulenza d'investimento o di una raccomandazione in favore di particolari titoli, strategie o prodotti d'investimento. Le informazioni contenute nel presente documento sono state ottenute da fonti ritenute attendibili, ma non si rilascia alcuna garanzia in merito. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta in alcuna forma o citata in altre pubblicazioni senza espressa autorizzazione scritta. PIMCO è un marchio depositato di Allianz Asset Management of America L.P. negli Stati Uniti e nel resto del mondo. ©2021, PIMCO.

Realigning Inflation Expectations
XDismiss Next Article
PIMCO
Small Italian Flag

IT

unidentified

[cambia profilo]

Sottoscrivi
Si prega di inserire un indirizzo e-mail valido.