Blog

Cinque punti salienti tratti dal PIMCO ESG Investment Summit 2021: finanziare un futuro più sostenibile

Tra i molteplici argomenti trattati all’evento: le attese per la COP26, l’importanza del coinvolgimento degli emittenti e la crescita delle obbligazioni legate a target di sostenibilità.

All’annuale PIMCO ESG Summit, che quest’anno si è tenuto in videoconferenza, i partecipanti sono stati aggiornati sul panorama in rapida evoluzione del mondo degli investimenti ispirati alla sostenibilità ambientale, sociale e di governance, con particolare riguardo al tema della transizione a zero emissioni nette, per restare sempre al passo con tutti gli sviluppi. Oltre ai professionisti degli investimenti, al summit sono intervenuti Mark Carney, ex Governatore della Banca d’Inghilterra e della Banca centrale canadese, oggi inviato speciale dell’ONU per l’Azione per il Clima e la Finanza nonché membro del Global Advisory Board di PIMCO; Carlos Brito, CEO di Anheuser Busch InBev e Birgit Böhm, Senior Vice President e Responsabile Tesoreria del Gruppo BMW. Riepiloghiamo di seguito alcune delle principali conclusioni:

1. RUOLO CRUCIALE DELLE OBBLIGAZIONI NEL FINANZIARE LA TRANSIZIONE A ZERO EMISSIONI NETTE

Costruire un futuro sostenibile è un’impresa che richiede ingenti capitali. Nei prossimi anni e decenni vedremo migliaia di miliardi di dollari di ulteriori investimenti sostenibili a livello di soggetti sovrani, amministrazioni locali e imprese. Una delle caratteristiche distintive dei mercati obbligazionari è che tipicamente le imprese tornano regolarmente sui mercati per collocare le loro diverse emissioni di titoli di debito e debbono convincere gli investitori della validità dell’investimento. Le imprese ci tengono a mantenere i loro rating di credito e sempre più devono fare attenzione a mantenere e migliorare le loro credenziali e i loro impegni in materia di sostenibilità. Questo meccanismo di coinvolgimento dei mercati fa sì che gli investitori obbligazionari abbiano un posto speciale quando si siedono al tavolo con gli emittenti, collaborando con loro per forgiare il futuro degli investimenti obbligazionari sostenibili e influenzare il cambiamento positivo, creando opportunità per gli investitori.

2. L’IMPORTANZA DELL'IMPEGNO

Ai loro albori, gli investimenti sostenibili puntavano solo sull’esclusione di quelle aziende che non soddisfacevano determinati criteri. In tempi più recenti, l’attenzione si è estesa ad aspetti più ampi che generano valore, ponendo maggior enfasi sulla valutazione degli investimenti e sulla collaborazione con gli emittenti per ottenerne l’impegno. Questa collaborazione con il management delle aziende, a nostro avviso, spesso può conseguire il massimo impatto in quanto gli investitori possono sviluppare una conoscenza più profonda degli emittenti e dell’investimento in questione e al contempo caldeggiare cambiamenti positivi.

3. I DATI RAPPRESENTANO UNA SFIDA, MA LO SVILUPPO DI STANDARD MONDIALI FAVORIRA’ UN’ALLOCAZIONE EFFICIENTE DEL CAPITALE

Nonostante l’esplosione di dati ESG negli ultimi anni, vi sono indubbie sfide riguardo alla qualità e all’omogeneità delle informazioni fornite dagli emittenti, in particolare in relazione ai rischi legati al clima. Ma si fanno progressi. Diversi anni fa, il Financial Stability Board ha istituito la Task Force on Climate-related Financial Disclosures (TCFD) per incrementare e migliorare l’informativa finanziaria sugli aspetti legati al clima. Inoltre, l’International Financial Reporting Standards (IFRS) Foundation sta sviluppando un nuovo organismo, il Sustainability Standards Board, con l’intento di adottare uno standard per l’informativa pubblica sugli aspetti legati al clima, con un’azione analoga a quella della TCFD. Così come si è progrediti nell’adozione di prassi contabili simili nei diversi paesi, i principi di rendicontazione in materia di sostenibilità dovrebbero avviare un percorso di convergenza in cui sempre più emittenti riferiranno i loro risultati sulla base di detti standard e consentiranno agli investitori di prendere decisioni più informate nell’allocazione del capitale. Per ora, l’analisi approfondita dei dati disponibili e l’opera attiva di coinvolgimento degli emittenti restano cruciali per giungere a un giudizio informato sui loro impegni e sulla loro traiettoria sul versante ESG.

4. LA COP26 È CRUCIALE PER REALIZZARE LE AMBIZIONI DELL’AZIONE A FAVORE DEL CLIMA

La 26esima Conferenza dell’ONU sul Clima (COP26) che si terrà a Glasgow a novembre di quest’anno sarà cruciale per accelerare le azioni per il raggiungimento degli obiettivi dell’Accordo di Parigi, in particolare per limitare il riscaldamento globale al di sotto dei 2 gradi e preferibilmente entro 1,5 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali. Uno degli obiettivi della COP26 è sviluppare un quadro di riferimento affinché il settore finanziario possa allocare capitali per la transizione a zero emissioni nette, gestendo i rischi e cogliendo opportunità. Molte aziende stanno già impegnandosi sulla riduzione delle emissioni inquinanti, ma gli investitori debbono analizzarne attentamente sia i target di breve termine che i piani di più lungo termine per valutarne il percorso sul versante del clima. Per soddisfare queste ambizioni servirà innovazione a tutti i livelli sui mercati dei capitali.

5. I MERCATI OBBLIGAZIONARI VANNO OLTRE I GREEN BOND

Oltre alla rapida espansione del mercato dei green bond, sono cresciuti anche altri tipi di obbligazioni come i social bond, le obbligazioni SDG ossia collegate agli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU, tra cui la parità di genere, la disponibilità dell’acqua e altri analoghi, che i capitali raccolti sono destinati a finanziare, nonché prestiti e obbligazioni legati alla sostenibilità che finanziano l’azienda in generale ma hanno meccanismi finanziari collegati al raggiungimento di target specifici come la riduzione delle emissioni di gas serra. Queste categorie di strumenti finanziari, e in particolare le obbligazioni legate alla sostenibilità, che hanno una portata più ampia rispetto a quelle con vincolo di destinazione dei capitali, possono aprire le porte alla partecipazione attiva di un numero maggiore di imprese e di governi per realizzare miglioramenti sul versante della sostenibilità e consentire agli investitori di indirizzare i loro capitali verso quegli emittenti e titoli con obiettivi indicati in modo chiaro e con target misurabili.

Per approfondimenti sulle capacità e l’approccio agli investimenti ESG di PIMCO visita la nostra pagina dedicata agli investimenti ESG.

Articoli Correlati

Disclaimer

London
PIMCO Europe Ltd
11 Baker Street
London W1U 3AH, England
+44 (0) 20 3640 1000

Dublin
PIMCO Europe GmbH Irish Branch,
PIMCO Global Advisors (Ireland)
Limited
3rd Floor, Harcourt Building 57B Harcourt Street
Dublin D02 F721, Ireland
+353 (0) 1592 2000

Munich
PIMCO Europe GmbH
Seidlstraße 24-24a
80335 Munich, Germany
+49 (0) 89 26209 6000

Milan
PIMCO Europe GmbH - Italy
Corso Matteotti 8
20121 Milan, Italy
+39 02 9475 5400

Zurich
PIMCO (Schweiz) GmbH
Brandschenkestrasse 41
8002 Zurich, Switzerland
Tel: + 41 44 512 49 10

PIMCO Europe GmbH (società n. 192083, Seidlstr.24-24a, 80335 Monaco, Germania) e la filiale italiana di PIMCO Europe GmbH (società n. 10005170963) sono autorizzate e regolamentate dall'Autorità di vigilanza finanziaria federale tedesca (BaFin) (Marie-Curie-Str. 24-28, 60439 Francoforte sul Meno) in Germania ai sensi della Sezione 32 della Legge bancaria tedesca (KWG). La filiale italiana è inoltre soggetta alla supervisione della Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (CONSOB) ai sensi del Testo Unico della Finanza italiano e della relativa normativa di attuazione. PIMCO Europe GmbH non fornisce servizi di investimento direttamente a clienti al dettaglio. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta in alcuna forma o citata in altre pubblicazioni senza espressa autorizzazione scritta. PIMCO è un marchio registrato di Allianz Asset Management of America L.P. negli Stati Uniti e nel resto del mondo. © 2021, PIMCO

Tutti gli investimenti comportano rischi e possono subire perdite di valore.  L'investimento nel mercato obbligazionario è soggetto a taluni rischi, tra cui il rischio di mercato, di tasso d'interesse, di emittente, di credito, di inflazione e di liquidità. Il valore della maggior parte delle obbligazioni e delle strategie obbligazionarie varia in funzione delle fluttuazioni dei tassi d'interesse. Le obbligazioni e le strategie obbligazionarie con duration più lunga tendono a evidenziare una maggiore sensibilità e volatilità rispetto a quelle con duration più breve. Di norma, i prezzi delle obbligazioni diminuiscono in caso di aumento dei tassi d'interesse e i contesti di bassi tassi d'interesse fanno aumentare tale rischio. Le riduzioni di capacità delle controparti obbligazionarie possono contribuire al calo della liquidità del mercato e all'aumento della volatilità dei prezzi. Al momento del rimborso gli investimenti obbligazionari possono avere un valore superiore o inferiore al costo iniziale.

L'investimento socialmente responsabile ha carattere qualitativo e soggettivo e non vi è alcuna garanzia che i criteri utilizzati o i giudizi espressi da PIMCO rifletteranno le convinzioni o i valori di un particolare investitore.  Le informazioni sulle pratiche responsabili sono ottenute mediante dati forniti su base volontaria o da parte di terzi che potrebbero non essere accurati o completi; PIMCO fa affidamento su tali informazioni per valutare l'impegno di una società sul fronte delle pratiche responsabili o l'implementazione delle stesse.  Le norme in materia di pratiche responsabili variano da paese a paese.  Non è possibile assicurare che le tecniche e le strategie d'investimento socialmente responsabile consentano di conseguire risultati positivi.  I rendimenti passati non sono una garanzia né un indicatore attendibile dei risultati futuri.

Key Takeaways From PIMCO’s ESG Investing Report
XDismiss Next Article
PIMCO
Small Italian Flag

IT

unidentified

[cambia profilo]

Sottoscrivi
Si prega di inserire un indirizzo e-mail valido.