Blog

Aumenta l’inflazione in Europa, ma le aspettative restano basse

Dagli ultimi dati pubblicati si riscontra un aumento dell’inflazione in Europa, ma i mercati prezzano bassa inflazione sul lungo periodo. Ravvisiamo l’opportunità per gli investitori di coprirsi dal rischio d’inflazione.

Il dato di gennaio dell’inflazione nell’Area Euro, misurata sull’Indice Armonizzato dei Prezzi al Consumo (IAPC), ha sorpreso per il netto rialzo e scatenato il dibattito sul rischio d’inflazione. Con le campagne vaccinali in corso, il continuo sostegno ai mercati finanziari da parte delle banche centrali e lo stimolo fiscale da parte di diversi governi, l’aumento dell’inflazione rappresenta un rischio?

Analizzando in particolare il dato dell’inflazione tedesca, riscontriamo che la sorpresa al rialzo è attribuibile soprattutto a fattori una tantum come lo scadere della riduzione dell’imposta sul valore aggiunto (IVA) e il cambiamento dei pesi delle diverse componenti del paniere. Siamo convinti che le vaccinazioni contro il COVID-19 stiano portando l’economia sul sentiero della ripresa ma crediamo altresì che la ripresa richiederà tempo e sarà disomogenea. Prevediamo che il PIL europeo tornerà ai livelli normali pre-pandemia nel 2022, non quest’anno. Con un tale passo lento verso la normalizzazione, ci aspettiamo che l’inflazione resti contenuta e cresca solo gradualmente nei prossimi 12-18 mesi.

Un tale lento ritorno alla crescita economica pre-pandemia potrebbe indurre alcuni investitori a liquidare frettolosamente il valore potenziale della copertura dall’inflazione in Europa. Tuttavia, il mercato sta già scontando una lenta normalizzazione, con tassi d’inflazione attesi attestarsi al di sotto dell’1% nel 2022 e non molto superiori nel resto di questo decennio. Tali aspettative di bassa inflazione possono offrire un’opportunità per investire in coperture dall’inflazione che presentano valutazioni appetibili a fronte delle attuali politiche fiscali espansive a livello mondiale e del potenziale di sorprese al rialzo dell’inflazione nell’orizzonte oltre l’immediato futuro.

Qual è il rischio d’inflazione per l’Area Euro nel medio termine?

Crediamo che per le prospettive future d’inflazione dell’Area Euro la politica fiscale sarà più rilevante della politica monetaria. L’economia europea è ancora ben lontana dalla piena capacità e la politica accomodante della Banca Centrale Europea (BCE) è necessaria per mantenere contenuti i costi di finanziamento degli stati sovrani ma non ottiene molto di più di questo. A nostro giudizio, il modo più efficace per stabilizzare l’economia è attraverso la spesa pubblica, con un moltiplicatore ancora maggiore con i tassi alla soglia dello zero. Desideriamo richiamare l’attenzione su due sviluppi positivi sul fronte della politica fiscale nell’Area Euro:

  • A seguito dell’esplosione della pandemia di COVID-19 che ha messo in pausa l’attività economica a livello globale, i leader europei hanno raggiunto l’accordo su un fondo comune a sostegno della ripresa dell’UE. Sebbene il valore complessivo del pacchetto europeo appaia molto inferiore rispetto a quello totale previsto per l’insieme dei piani statunitensi di aiuti e di sostegni alla ripresa, non v’è dubbio che sia un passo importante nella giusta direzione. È un segnale forte che il progetto europeo persiste e che resta negli interessi della maggior parte dei paesi collaborare per superare le avversità. Benché l’entità dello stimolo sia pari solo a circa il 2% del PIL dell’Area Euro su base annua, è un intervento assai diverso rispetto alle misure di austerità adottate dopo la crisi dei debiti sovrani.
  • L’aver raggiunto un accordo fra i 27 stati membri, impresa tutt’altro che semplice, offre ai paesi dell’UE l’opportunità di trasformare l’economia europea, di renderla più verde, più innovativa e più resiliente a shock futuri. I leader in generale concordano che fallire rispetto a tale opportunità comporterebbe rischi enormi. Un ruolo importante probabilmente lo avranno, a nostro giudizio, i paesi periferici europei, non solo perché sono i più rappresentati nella distribuzione delle risorse del fondo ma anche perché sono i paesi con il maggior potenziale di progressi reali da compiere. Il ritorno di Mario Draghi, in veste di neo Primo Ministro italiano, è una buona notizia. Ha mutato drasticamente il panorama politico italiano e portato fiducia sui mercati. Non è un’esagerazione affermare che la posta in gioco è decisamente alta. Il successo o il fallimento di Draghi nel mettere a terra il Piano di ripresa e resilienza e avviare fondamentali riforme sarà cruciale non solo per il futuro dell’Italia ma anche per il progetto europeo. L’ex Presidente della BCE è probabilmente il miglior candidato per portare a termine questo compito per la profonda conoscenza che ha del suo paese e per la sua reputazione per aver salvato l’Euro nella crisi dei debiti sovrani. Questo è dunque un altro fattore favorevole che potrebbe contribuire a risollevare la crescita e l’inflazione nell’Area Euro.

Perché investire ora in attivi che offrono copertura dall’inflazione?

Gli investitori non dovrebbero trascurare la minaccia dell’inflazione semplicemente perché l’inflazione è bassa da diversi anni. Inoltre, il mercato non ha raggiunto un orientamento univoco sul riemergere dell’inflazione, pertanto il profilo di rendimento è asimmetrico visto che il mercato non sconta un premio sufficiente per il rischio d’inflazione.

Prendendo come esempio l’IAPC dell’Area Euro, il tasso implicito dell’inflazione di pareggio a cinque anni su un orizzonte quinquennale (5y5y) basato sul mercato degli swap sull’inflazione attualmente si colloca intorno all’1,4%, il che significa che il mercato prevede che fra il 2026 e il 2031 l’inflazione media sarà di 60 punti base inferiore all’obiettivo d’inflazione della BCE. Anche senza che gli investitori prendano posizione sulla direzione dell’inflazione futura, la probabilità di maggiore volatilità dei prezzi introdotta dal poderoso quantitative easing della banca centrale dovrebbe aumentare il valore di convessità delle obbligazioni indicizzate all’inflazione in ragione dell’opzione incorporata.

il tasso implicito dell’inflazione di pareggio a cinque anni su un orizzonte quinquennale attualmente si colloca all’1,4%, al di sotto all’obiettivo d’inflazione della BCE che è pari al 2%. Ne era stato al di sopra per gran parte del tempo sino a settembre del 2014 quando è sceso sotto il 2%. Da allora sino a metà 2019, il tasso 5y 5y si è mosso in un range compreso grosso modo fra l'1,3% e l'1,8% prima di scendere a un minimo di circa lo 0,7% a marzo 2020.

Un altro rischio che vale la pena di considerare è la scarsità dell’offerta di obbligazioni indicizzate all’inflazione. Le emissioni di questi titoli sono infatti molto inferiori a quelle dei titoli sovrani nominali e i governi potrebbero ridurle ulteriormente se cominciassero a preoccuparsi dell’inflazione. Il rischio in sostanza è che dopo che l’inflazione ha rialzato la testa tende a essere molto più difficile coprirsi rispetto ad essa.

Infine, le obbligazioni indicizzate all’inflazione presentano un insieme unico di caratteristiche di rendimento, rischio e correlazione che differiscono dalle obbligazioni convenzionali. I portafogli pertanto possono beneficiare della maggiore diversificazione che deriva da una combinazione di obbligazioni nominali e indicizzate all’inflazione migliorando così il profilo di rischio/rendimento. 

Lorenzo Pagani è managing director e gestore di portafoglio focalizzato sulle obbligazioni governative europee.Yi Qiao è senior vice president e gestore di portafoglio focalizzato sui derivati sui tassi d’interesse e sulle strategie indicizzate all’inflazione.

A cura di

Lorenzo Pagani

Responsabile del desk dedicato ai tassi europei

Yi Qiao

Gestore di derivati su tassi d’interesse e strategie legate all’inflazione

Articoli Correlati

Disclaimer

London
PIMCO Europe Ltd
11 Baker Street
London W1U 3AH, England
+44 (0) 20 3640 1000

Dublin
PIMCO Europe GmbH Irish Branch,
PIMCO Global Advisors (Ireland)
Limited
3rd Floor, Harcourt Building 57B Harcourt Street
Dublin D02 F721, Ireland
+353 (0) 1592 2000

Munich
PIMCO Europe GmbH
Seidlstraße 24-24a
80335 Munich, Germany
+49 (0) 89 26209 6000

Milan
PIMCO Europe GmbH - Italy
Corso Matteotti 8
20121 Milan, Italy
+39 02 9475 5400

Zurich
PIMCO (Schweiz) GmbH
Brandschenkestrasse 41
8002 Zurich, Switzerland
Tel: + 41 44 512 49 10

PIMCO Europe GmbH (società n. 192083, Seidlstr.24-24a, 80335 Monaco, Germania) e la filiale italiana di PIMCO Europe GmbH (società n. 10005170963) sono autorizzate e regolamentate dall'Autorità di vigilanza finanziaria federale tedesca (BaFin) (Marie-Curie-Str. 24-28, 60439 Francoforte sul Meno) in Germania ai sensi della Sezione 32 della Legge bancaria tedesca (KWG). La filiale italiana è inoltre soggetta alla supervisione della Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (CONSOB) ai sensi del Testo Unico della Finanza italiano e della relativa normativa di attuazione. PIMCO Europe GmbH non fornisce servizi di investimento direttamente a clienti al dettaglio. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta in alcuna forma o citata in altre pubblicazioni senza espressa autorizzazione scritta. PIMCO è un marchio registrato di Allianz Asset Management of America L.P. negli Stati Uniti e nel resto del mondo. © 2021, PIMCO

PIMCO Europe GmbH (Società n. 192083, Seidlstr. 24-24a, 80335 Monaco, Germania) e la filiale italiana di PIMCO Europe GmbH (Società n. 10005170963) sono autorizzate e regolamentate in Germania dall'Autorità di vigilanza finanziaria federale tedesca (BaFin) (Marie-Curie-Str. 24-28, 60439 Francoforte sul Meno) ai sensi della Legge sul sistema creditizio tedesco (KWG). La filiale italiana è inoltre soggetta alla supervisione della Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (CONSOB) ai sensi del Testo Unico della Finanza italiano e della relativa normativa di attuazione. I prodotti e i servizi offerti da PIMCO Europe GmbH sono destinati unicamente a clienti professionali come da definizione contenuta alla Sezione 67, Comma 2, della Legge sulla negoziazione di titoli tedesca (WpHG), e non agli investitori individuali, i quali non devono fare affidamento sulla presente comunicazione. PIMCO è un marchio registrato di Allianz Asset Management of America L.P. negli Stati Uniti e nel resto del mondo. ©️2021 PIMCO

PIMCO