Blog

Misure di sostegno all’occupazione in Europa: vantaggio nel breve termine, penalizzazione sul lungo termine?

Le misure adottate in Europa per attutire l’impatto della pandemia hanno contenuto il calo dell'occupazione nella regione più di quanto sia avvenuto negli Stati Uniti. Pur riconoscendo i rischi economici derivanti dal crescente numero di casi di COVID-19 oltre Atlantico, le nostre stime prevedono un ribaltamento di questo rapporto prima della fine dell’anno.

Le misure adottate in Europa per attutire l’impatto della pandemia hanno contenuto il calo dell'occupazione nella regione più di quanto sia avvenuto negli Stati Uniti. Pur riconoscendo i rischi economici derivanti dal crescente numero di casi di COVID-19 oltre Atlantico, le nostre stime prevedono un ribaltamento di questo rapporto prima della fine dell’anno.

Il mercato del lavoro statunitense e quello europeo hanno manifestato un andamento marcatamente differente in questa crisi. Da febbraio ad aprile, il tasso di disoccupazione nell’Area Euro è cresciuto di soli 10 punti base (pb) al 7,3%, mentre quello americano (U3) è salito di 1.120 punti base al 14,7% (cfr. figura 1). Da allora, la divergenza fra le due regioni si è attenuata pur permanendo complessivamente ampia: a giugno il tasso di disoccupazione negli Stati Uniti era sceso all’11,1% mentre quello dell’Eurozona era leggermente salito al 7,4% a maggio (ultimi dati disponibili).

Figure 1: Euro area vs. U.S. had different labor market reactions to the crisis

Alcuni attribuiscono la tenuta dell’occupazione in Europa alla minor flessibilità del mercato del lavoro di quella regione. Le normative più rigide in materia di assunzioni e licenziamenti, che normalmente sono viste come un elemento di debolezza, potrebbero rappresentare un vantaggio in questo frangente in quanto stanno contenendo la perdita di posti di lavoro. Noi crediamo piuttosto che la differenza derivi principalmente dal differente approccio scelto dai governi per sostenere i redditi delle famiglie durante la crisi. Mentre gli Stati Uniti hanno puntato sulle indennità di disoccupazione, l’Europa ha dato priorità alla tutela dei posti di lavoro ricorrendo a meccanismi di cassa integrazione (CIG) attraverso i quali lo Stato si fa carico di una quota, che varia dal 60 all’85%, della retribuzione del lavoratore per le ore non lavorate. In sintesi, negli Stati Uniti si sono sussidiati i disoccupati lasciando fare il suo corso al mercato mentre in Europa si sono combattute le forze di mercato sussidiando le imprese. Quale delle due soluzioni è migliore?

A giudicare dai soli dati della disoccupazione, la risposta europea sembrerebbe essere più efficace. Tuttavia, fare confronti diretti non è agevole. Ad esempio, negli Stati Uniti, molti lavoratori attualmente disoccupati prevedono di tornare al loro ultimo impiego e un recente studio indica che le attese dei lavoratori sarebbero fortemente predittive delle probabilità di riassunzione. Ciò suggerisce che benché la disoccupazione ufficiale degli Stati Uniti sia cresciuta maggiormente di quella dell’UE, potrebbe anche ridiscendere più velocemente al superamento della fase acuta della crisi.  Inoltre, poiché i meccanismi di cassa integrazione europei sono dispendiosi, diversi paesi intendono stringere i cordoni della borsa nel corso dell’anno, e questo solleva interrogativi riguardo all’efficacia di queste misure sul lungo termine.

Disoccupazione potenziale

Questo ci ha portato a elaborare il “tasso di disoccupazione potenziale”, un indicatore di disoccupazione corretto per la CIG che comprende la popolazione in cassa integrazione in Europa nel computo dei disoccupati. Riconosciamo che l’ipotesi di partenza sia estrema, ma ci consente di stimare indicativamente la potenziale disoccupazione che potrebbe manifestarsi quando queste misure di sostegno di breve termine verranno meno. A maggio (periodo per il quale sono disponibili gli ultimi dati di disoccupazione per ambedue le regioni), la popolazione europea in CIG era ben il 17% della forza lavoro in Germania1, il 45% in Francia, il 28% in Italia e il 13% in Spagna (con una media del 25% per questi quattro principali paesi dell’Area Euro). Secondo questo indicatore corretto per le misure di sostegno, il tasso di disoccupazione europeo ammonterebbe al 33% a maggio contro circa il 15% negli Stati Uniti (cfr. figura 2).2

Il principale interrogativo in Europa sul futuro è quanti lavoratori in CIG finiranno ad ingrossare le fila dei disoccupati. Ipotizziamo che questa sarà la sorte per una parte di loro (uno su sei, secondo le nostre stime), in ragione dei cambiamenti strutturali imposti dalla crisi e in quanto potrebbe volerci parecchio tempo prima che settori come quelli dei viaggi, del turismo, del tempo libero e dell’alberghiero tornino ai livelli pre-crisi, ammesso che ci tornino. Al contempo, pur riconoscendo i rischi derivanti dalla recente accelerazione dei contagi da COVID-19 negli Stati Uniti, è presumibile che il mercato del lavoro americano più flessibile e meno conflittuale possa cavarsela meglio rispetto a quello europeo in un contesto di cambiamento strutturale.

Figure 2: Policy-adjusted unemployment rates show a different picture across Europe and U.S.

Nel valutare i rischi per l’Europa, osserviamo altresì che la riduzione delle ore lavorate nella regione, pari a -3,1% nel primo trimestre rispetto a quello precedente, è stata superiore a quella negli Stati Uniti pari a -0,7%. Questi dati indicano una minor domanda di lavoro in Europa e ne segnalano prospettive di maggior debolezza sul versante occupazionale.

Infine, l’Italia presenta un rischio specifico in termini di disoccupazione europea. Al 7,8%, il tasso di disoccupazione in Italia a maggio era di 120 punti base sotto i livelli di febbraio. Il dato tuttavia è interamente riferibile a uscite di lavoratori dal mercato del lavoro dovute alle limitazioni imposte agli spostamenti, alla necessità di assolvere a doveri familiari e alla cautela generale. Come mostra la figura 3, oltre 1 milione di persone è passato alla categoria degli “inattivi” (coloro che non lavorano e non cercano un lavoro) da febbraio ad aprile. Una parte di queste persone ha cominciato a confluire tra i disoccupati a maggio e probabilmente molti altri ne seguiranno. Un altro fattore che limita il calo dell’occupazione in Italia è il blocco dei licenziamenti decretato dal governo per i lavoratori subordinati con contratto a tempo indeterminato, che resterà in vigore sino all’incirca a metà agosto. Con il venir meno di tale blocco, il potenziale di aumento della disoccupazione crescerà.

o	Figure 3: Italy’s growing inactive population may be looking for a job soon

Rischi del virus a parte, il tasso di disoccupazione in Europa e negli Stati Uniti dipenderà dalla volontà e dalla capacità delle autorità di mantenere le misure di sostegno, dal numero di aziende che resteranno in vita, dalla profondità dei cambiamenti strutturali e dall’adattabilità che ciascun paese saprà dimostrare. Stando alle nostre attuali previsioni, la recente relativa sottoperformance del mercato del lavoro statunitense non continuerà: stimiamo che il tasso di disoccupazione americana scenderà intorno al 9% entro fine anno mentre quello dell’Europa salirà all’11% circa, nello stesso periodo.

Rischi derivanti da sviluppi differenti sul versante del COVID-19 negli Stati Uniti e in Europa

Le nostre stime di base sono soggette a maggior incertezza a seguito dei recenti sviluppi divergenti sul fronte del COVID-19 negli Stati Uniti e in Europa. Mentre l’Europa sinora è riuscita a mantenere il virus sotto controllo, negli Stati Uniti si è avuta un’impennata significativa dei contagi da COVID-19 in diversi Stati che rappresentano circa il 40% dell’economia statunitense, uno sviluppo che potrebbe mettere in discussione le nostre proiezioni.

Un altro aspetto che le potrebbe mettere in discussione potrebbe essere il recente mutamento nel comportamento dei consumatori osservato negli Stati Uniti: nelle ultime settimane, i ricavi delle aziende e la spesa dei consumatori hanno cominciato a decelerare, soprattutto nelle aree colpite dai focolai più acuti. Ciò potrebbe accrescere la necessità di ulteriore accomodamento fiscale e monetario e avere  ripercussioni  sulla direzione del tasso di disoccupazione statunitense.

Per approfondimenti sulle nostre previsioni per il 2020 sull'economia mondiale e le relative implicazioni per gli investimenti leggi le ultime previsioni cicliche di PIMCO, "La lunga risalita".

LEGGI ORA



Calcolato sulla base delle domande complessive a maggio corrette per i dati di effettivo utilizzo dei mesi precedenti.
2 Per gli Stati Uniti, una misura comparabile a quelle europee è il mantenimento dei livelli occupazionali previsto dal Payment Protection Program (PPP) del governo per le imprese che ricevono prestiti ai sensi di detto programma. Il dato sul numero dei lavoratori che beneficiano di quella misura non viene pubblicato ma le nostre stime indicano che sia stato alquanto limitato, al periodo di riferimento di maggio.
A cura di

Nicola Mai

Responsabile della ricerca sul credito sovrano in Europa

Tiffany Wilding

Economista per gli Stati Uniti

Articoli Correlati

Disclaimer

Questo materiale contiene le opinioni correnti del gestore e tali opinioni sono soggette a modifiche senza preavviso. Questo materiale è distribuito solo a scopo informativo e non deve essere considerato come un consiglio di investimento o una raccomandazione di particolari titoli, strategie o prodotti di investimento. Le informazioni contenute nel presente documento sono state ottenute da fonti ritenute affidabili, ma non garantite.

Questa non è un'offerta per qualsiasi persona in qualsiasi giurisdizione in cui sia illegale o non autorizzato. PIMCO Europe Ltd (Società n. 2604517) e PIMCO Europe Ltd - Italy (Società n. 07533910969) sono autorizzate e regolamentate dalla Financial Conduct Authority (12 Endeavour Square, Londra E20 1JN) nel Regno Unito. La filiale italiana è inoltre regolamentata dalla Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (CONSOB) ai sensi dell’Articolo 27 del Testo Unico Finanziario italiano. I prodotti e i servizi offerti da PIMCO Europe Ltd sono destinati unicamente a clienti professionali come da definizione contenuta nel manuale della Financial Conduct Authority, e non agli investitori individuali, i quali non devono fare affidamento sulla presente comunicazione. | PIMCO Deutschland GmbH (Società n. 192083, Seidlstr. 24-24a, 80335 Monaco, Germania), la filiale italiana di PIMCO Deutschland GmbH (Società n. 10005170963) e la filiale spagnola di PIMCO Deutschland GmbH (N.I.F. W2765338E) sono autorizzate e regolamentate in Germania dall'Autorità di vigilanza finanziaria federale tedesca (BaFin) (Marie-Curie-Str. 24-28, 60439 Francoforte sul Meno) ai sensi della Sezione 32 della Legge sul sistema creditizio tedesco (KWG). La filiale italiana e quella spagnola sono inoltre regolamentate rispettivamente dalla Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (CONSOB) ai sensi dell’Articolo 27 del Testo Unico Finanziario italiano e dalla Commissione Nazionale del Mercato di Valores (CNMV) in conformità agli obblighi stipulati negli articoli 168 e da 203 a 224, nonché agli obblighi contenuti nella Sezione V, Sezione I della Legge sul mercato dei titoli (LSM) e negli articoli 111, 114 e 117 del Regio decreto 217/2008, rispettivamente. I prodotti e i servizi offerti da PIMCO Deutschland GmbH sono destinati unicamente a clienti professionali come da definizione contenuta alla Sezione 67, Comma 2, della Legge sulla negoziazione di titoli tedesca (WpHG), e non agli investitori individuali, i quali non devono fare affidamento sulla presente comunicazione. PIMCO è un marchio registrato di Allianz Asset Management of America L.P. and Pacific Investment Management Company LLC, rispettivamente, negli Stati Uniti e nel resto del mondo. ©️2020 PIMCO

COVID‑19: Repercussions Could Worsen Before They Improve
XDismiss Next Article
PIMCO
Small Italian Flag

IT

unidentified

[cambia profilo]

Sottoscrivi
Si prega di inserire un indirizzo e-mail valido.